• Elena Abbagnano

Sette posti non convenzionali da vedere a Firenze

Qualcuno una volta mi ha chiesto se ha senso tornare più volte in un posto, e io non ho esitato a rispondere: a Firenze, per esempio, sarà la quinta volta che vado. Se lo avete fatto anche voi e ormai avete girato per i principali punti di interesse - la cupola, il duomo, gli Uffizi, la cattedrale, piazzale Michelangelo e tanti altri - allora vi racconto cinque posti meno conosciuti che però potrebbe essere molto carino raggiungere!


La Terrazza della Rinascente

Piazza del Duomo dovrebbe essere classificata come una delle meraviglie del mondo, per quanto mi riguarda: e dopo essere entrati al duomo e aver ammirato la cupola del Brunelleschi da tutte le angolazioni, è arrivato il momento per vederle dall'alto e scattare una foto memorabile. Per farlo, basta entrare alla Rinascente: prendete le scale mobili fino all'ultimo piano e poi cercate una scaletta che porterà dritta a La Terrazza. Qui potete ordinare un tea, una cioccolata calda, ma anche un aperitivo o un pranzo più sostanzioso. I costi non sono eccessivi e la vista è impagabile.



duomo di firenze da terrazza


Il Mercato di Sant'Ambrogio

Mercato storico di Firenze, da oltre un secoli e mezzo è lo scenario di incontri, profumi e sapori. Potete dare un'occhiata ai vestiti esposti nelle bancarelle all'esterno o fermarvi alla parte orto frutticola, dove potrete incontrare veri fiorentini alle prese con la spesa, oppure entrare all'interno e fermarvi a uno dei tanti stand che fanno da mangiare. Suggerimento: se ci andate la mattina, tenetevi pronti a sentire l'odore forte del fegato e soprattutto persone che lo mangiano, a qualsiasi ora del giorno!



La grotta del Buontalenti

Ospitata nei famosissimi Giardini di Boboli, questa grotta artificiale è alla fine del percorso e si può rischiare di perdersela: un gran peccato, perché secondo me è uno dei suoi tesori più incredibili. Dall'esterno sembra una piccola grotta, ma al suo interno nasconde ben tre stanze, con statue e opere d'arte di simbolismo magico. Era un must have dell'epoca, quello di arricchire i giardini con finte grotte che riproponessero non solo statue ma anche fontane e giochi d'acqua. In questo caso poi, i capitelli sono stati arricchiti con rocce e stalagmiti che la rendono ancora più credibile. Se non volete ri o entrare nei giardini dei Boboli, la grotta si può vedere anche da fuori: con le spalle a palazzo Pitti, andate tutto sulla sinistra.





Biblioteca delle Oblate

Fuori dai circuiti turistici più tradizionali, quella delle Oblate è una biblioteca pubblica aperta agli studenti e ai visitatori fino a tarda sera. Aperta nel 2007, è ospitata in un magnifico complesso risalente al '300 con vista sul duomo. Gironzolate un po' tra le sale, l'ingresso è gratuito e potrete ammirare la cupola da prospettive diverse. Però fate silenzio: in ogni piano, troverete decine di studenti che occupano la biblioteca per studiare, negli spazi interni così come negli esterni.



I giardini di Villa Bardini

Meno famosi, almeno sulla carta, dei giardini fratelli di Boboli, quelli di Villa Bardini sono forse meno scenografici all'ingresso ma decisamente alla loro altezza: un lungo percorso immersi nella natura vi porterà a vedere il centro di Firenze da prospettive diverse. Avete presente quelle foto meravigliose della Cupola contornata dai fiori di glicine? Ecco, sono state scattate da qui! Certo, non a Dicembre: per beccarli in piena fioritura vi consiglio di andare a fine aprile.



La Ménagère

Non solo visite culturali: vi do una dritta su questo locale incredibile. Vi consiglio di sceglierlo per colazione, merenda o un pranzo sostanzioso: si trova accanto alla Galleria dell'Accademia e oltre ad essere molto buono e anche molto molto bello. Lo stile è tutto floreale, con diverse stanze arredate in modo bohemien ma contemporaneo. Una pausa all'altezza della stupenda città in cui si trova!



Borgo San Jacopo numero 14

Super tips per chi vuole fare una foto a Ponte Vecchio ma si è reso conto che non vengono bene dagli altri ponti: superatelo e andate tutto a destra su via di Borgo San Jacopo. Dopo qualche minuto, al numero 14, entrerete in un piccolo vicolo sulla destra e vi troverete davanti all'unica terrazza che affaccia su Ponte Vecchio: un tempo era di un locale, e ci si poteva sedere e bere qualcosa. Ora è la hall di un albergo, quindi siate silenziosi e non disturbate, affacciatevi giusto il tempo per godere della vista e scattare una foto incredibile.




Insomma, per me tornare nei posti ne vale sempre la pena, perché ogni volta scopro cose nuove e ho il tempo di scovare posti più di nicchia o particolari che ad una prima esplorazione non riuscirei a raggiungere. E poi, che sia la prima volta o la centesima, Firenze è sempre una buona idea.

59 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti