• Elena Abbagnano

Dieci posti da visitare nel Lazio

Aspettavamo questo momento da settimane: il bonus esci da casa senza passare dal via, la carta libera tutti che però non è stata poi così libera. Per il momento possiamo restare ognuno nella propria regione di appartenenza e devo dire che chi come me vive nel Lazio, non ci ha fatto proprio un pessimo affare. Ecco dieci posti che vi consiglio di visitare restando dentro i confini del Lazio, per non sprecare neanche un giorno di questa libertà ritrovata e di questa estate che avanza prepotente. #iorestonelLazio.



Bomarzo


Avete mai sentito parlare del giardino dei mostri? Per gli adulti ma soprattutto per i bambini è un posto imperdibile, mostruoso nel senso più positivo della parola. Un grande giardino costruito nel Cinquecento con l'intenzione di spaventare e stupire i visitatori. Divertitevi a trovare tutti i mostri di pietra nascosti tra la natura, accompagnati dalla mappa che vi racconterà qualcosa i più di tutte le trentasei tappe che incontrerete. Tartarughe, sirene, draghi, sfingi, case pendenti ed enigmi nascosti: ce n'è per tutti gusti.


Distanza da Roma: circa un'ora e un quarto





Castel Gandolfo


Scrivo Castel Gandolfo un po' in rappresentanza dei castelli romani: tra tutti i posti vicino Roma è il mio preferito dove godermi una giornata di sole in riva al lago e una passeggiata al centro storico, ma già che siete in zona, è obbligatoria una tappa alle fraschette di Ariccia a mangiare un panino con la porchetta. E se siete già stati sia a Castel Gandolfo che ad Ariccia, non pensate che sia finita: Frascati, Grottaferrata, Monte Porzio Catone, Genzano, Lanuvio, Marino... i paesi dei castelli romani sono tantissimi, e tutti da visitare.


Distanza da Roma: circa quaranta minuti

Tivoli


Lo so, vi ho parlato di Tivoli diverse volte, ma non esiste al mondo un posto che nella stessa cittadina abbia una villa di epoca romana, una di epoca rinascimentale, e un parco naturale. Sarà un viaggio nella storia, partendo dall'epoca della Roma imperiale con le rovine di Villa Adriana, passando per gli anni delle casate nobiliari, quando l'Italia era custode di arte e cultura grazie ai mecenati come la famiglia d'Este e la loro Villa, terminando con le cascate di Villa Gregoriana di epoca papale. Vale la pena anche una sosta nel centro storico della città: per visitare tutto con calma io ho deciso di dormirci, ma partendo di buon mattino si può fare tutto in un'unica giornata.


Distanza da Roma: circa quaranta minuti



Gaeta


A metà tra Roma e Napoli, Gaeta è una buona sintesi tra le due: se cercate un posto dove fare i primi bagni, le sue spiagge e le onde del Tirreno saranno felici di ospitarvi. Abbronzatevi, fate una scorpacciata di pesce e una passeggiata per la città vecchia, ma trovate il tempo anche di arrivare alla Grotta del Turco e i suoi mille riflessi e alla Montagna Spaccata: la leggenda narra che si spaccò, ferita, nell'istante in cui Cristo venne crocifisso. Se anche non siete dei ferventi credenti, vi mancherà il fiato: per raggiungerla, dovete salire 266 gradini!


Distanza da Roma: circa due ore



Monte Cassino


Forse la città non vi dirà molto, ma scommetto due mascherine che avete sentito nominare la sua splendida abbazia, distrutta e poi ricostruita per ben quattro volte. La più celebre, e forse la più tragica, è quella durante la seconda guerra mondiale, quando l'esercito tedesco ha bombardato la chiesa convinta che celasse armi e soldati, mentre vi avevano trovato rifugio i civili dei paesi circostanti. La storia è terribile, ma l'abbazia è splendida. Ve la racconto meglio qui, se volete qualche spoiler.

Distanza da Roma: circa due ore



Le cascate di Monte Gelato

Io ve lo giuro, sembra di essere in un piccolo paradiso tropicale: il sottobosco ombroso, le cascate, il fiume fresco in cui si può fare il bagno, e una lunga passeggiata che dall'ingresso del sito vi porta fino alla stupenda cittadina di Calcata. Quando mi hanno fatto vedere le foto non ci riuscivo a credere, e sono andata a vederlo con i miei occhi: fatelo anche voi, un piccolo viaggio intercontinentale a portata di auto. Portatevi un costume, scarpe da ginnastica e pranzo al sacco!


Distanza da Roma: circa quaranta minuti



Civita di Bagnoregio


Si chiama la città che muore, perché ancora non si sa per quanto la roccia su cui è costruita reggerà il suo peso: se non l'avete mai visitata cogliete l'occasione e correte, perché è sicuramente uno dei borghi più belli al mondo. La passeggiata per arrivarci è forse il momento migliore: quando il cielo si apre e la rocca è lì, sospesa tra le nuvole, collegata al resto del mondo solo grazie ad un vecchio ponte. Ci sono stata lo scorso anno, vi ho raccontato tutto qui: leggete e mettetevi in macchina.


Distanza da Roma: circa due ore





Giardino di Ninfa


Qui faccio una cosa che mai si dovrebbe fare: vi consiglio un posto che non ho ancora visitato. Sì, perché i giardini di Ninfa aprono pochi week end all'anno, e bisogna correre a prenotare quei pochi posti prima che finiscano. Indovinate? Finalmente ero riuscita a prenotare. Per aprile. Ci saranno altre occasioni, nel frattempo mi rendo il tutto ancora più difficile consigliando di visitarli e aggiungendo qualche concorrente alla corsa ai posti per questo piccolo paradiso naturale.


Distanza da Roma: circa un'ora e un quarto


Ponza


Per tutta la durata della quarantena, se chiudevo gli occhi mi vedevo lì, sulla terrazza piena di sole affacciata sul mare cristallino della casa che lo scorso anno ho affittato a Ponza per un week end lungo. Di certo non è adatta ad una gita di un giorno, ma se volete un'immersione nell'estate e un assaggio di vacanze, non troverete posto più bello di quest'isola incredibile. Prima di partire, ci sono sette cose che dovete sapere. La prima, dato il momento storico, è opinabile.



Distanza da Roma: in totale circa quattro ore, incluso il traghetto


Roma (#graziear)


Quando ho iniziato a scrivere l'articolo, Roma non ce la volevo proprio mettere. Insomma, se vivete nel Lazio e non siete mai stati a Roma, non vi voglio nel mio blog. Ma all'ultimo l'ho buttata dentro, perché per me che vivo nel centro storico, una passeggiata per la città è sempre incredibile. E ci sono ancora posti della città che non ho visto, nonostante ventisei anni di onorata carriera. E un po' perché colgo l'occasione per condividere con voi questa foto stupenda e il nuovo arrivo nella mia piccola famiglia: vi presento Varsavia, detta Varsatana. Da oggi in poi, si viaggia in tre.





NB: ho visitato tutti questi posti prima dell'emergenza covid. Pertanto non vi so dire le misure di sicurezza, i modi di prenotare, la gestione dei flussi dei singoli paesi e soprattutto dei singoli musei o ville. Vi consiglio di chiamare e verificare prima di partire!



0 visualizzazioni
Chi sono

Credo nel lorem ipsum, in Gabriel García Márquez e che una penna ti possa portare ovunque. Non ho ancora deciso se mi piace più leggere o più scrivere e nel dubbio faccio entrambi, continuamente. Nel tempo libero fuggo, che sia fuori Roma o dall'altra parte del mondo: così è nato vongolainviaggio.

  • White Facebook Icon

© Elena Abbagnano Trione 2020